Allaccio gas metano: le tempistiche, le procedure e i costi

Annuncio - Servizio Gratuito: 4,6 ⭐ su Trustpilot

Annuncio - Servizio Gratuito: 4,6 ⭐ su Trustpilot

Sommario: Se devi fare l’allaccio del gas e non sai come fare, questo articolo ti guiderà passo per passo durante tutto il procedimento.

Scoprirai le tempistiche, il costo e tutte le informazioni necessarie per richederlo il più velocemente possibile mantenendo il servizio attivo.

In questo articolo scoprirai:

  1. Come richiedere l’allaccio del gas nella tua casa
  2. Quali documenti ti servono per la richiesta
  3. Quali sono le fasi della procedura
  4. Quanto costa allacciamento gas


Per avere maggiori informazioni al riguardo, puoi consultare la nostra guida alla gestione dei contratti e delle utenze.

Cos’è e come effettuare la richiesta di allaccio gas metano

Per allaccio gas metano si intende l’operazione che consente di collegare il tuo impianto alla rete locale di distribuzione. Una volta completato, si potrà procedere all’attivazione del gas con eventuale collocazione del contatore.

Questo intervento può essere eseguito per lavori:

Semplici

Richiedono azioni limitate, come nel caso dell’adeguamento di impianti e allacciamenti già esistenti

Complessi

Per cui sono necessari ulteriori manovre

La richiesta di allacciamento può essere presentata in diverse modalità tra cui, ad esempio:

  • Di persona agli sportelli fisici o nei punti vendita presenti sul territorio
  • Tramite richiesta telefonica al Servizio Clienti
  • Inviando richiesta scritta via posta, fax o e-mail o compilando l’apposito form on-line sul sito web


Se invece vuoi informazioni sull’utenza luce, scopri come attivare luce e come effettuare un subentro luce leggendo i nostri articoli.

A chi rivolgersi per richiedere l’allacciamento metano?

Se desideri richiedere l’allaccio rete gas metano, ma non sei interessato a sottoscrivere un contratto di fornitura gas, dovrai metterti in contatto con il distributore territorialmente competente. In questo modo, eseguirà l’installazione del contatore senza però attivare la fornitura.

Invece, se hai trovato l’offerta gas adatta alle tue esigenze e vuoi sottoscrivere un contratto con un fornitore, sarà lui stesso a contattare il distributore di zona. Così, entro 2 giorni lavorativi manderà un tecnico per l’installazione del contatore.

Allaccio gas metano procedura

In breve, le fasi che riguardano la procedura di allaccio gas metano:

  1. Inoltro della richiesta di allaccio gas metano nelle modalità sopracitate;
  2. Sopralluogo (eventuale) da parte del distributore che, successivamente, invierà al cliente un preventivo. In questa fase verrà specificato se l’allacciamento richiede lavori semplici o lavori complessi, nonché il costo del preventivo;
  3. Ricevimento del preventivo per l’esecuzione dei lavori con allegati i documenti necessari;
  4. Accettazione del preventivo da parte del cliente: è il momento in cui il cliente paga il contributo d’allacciamento oppure restituisce copia del preventivo firmata per accettazione o comunica l’accettazione stessa;
  5. Realizzazione dei lavori di allacciamento con la posa del contatore

Se invece vuoi sapere come fare per richiedere un Eni allaccio gas oppure un Acea allaccio luce, visita le nostre pagine e trova la risposta a tutte le tue domande.


I nostri esperti ti aiuteranno a trovare la fornitura più adatta a te e ad attivarla seguendoti in tutte le tappe del processo di attivazione. Chiama!

02 82 95 64 08

Info

Quali sono i documenti forniti dal preventivo allaccio gas metano?

L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambienti (ARERA), ha illustrato quali sono i documenti necessari per richiedere l’allacciamento gas metano.

Documenti necessari per fare allaccio gas

  • Data di ricevimento da parte del distributore della richiesta di preventivo del cliente;
  • Codice di rintracciabilità per l’identificazione della richiesta;
  • data di messa a disposizione del preventivo al richiedente;
  • Tipologia di utenza (domestica/non domestica)

Inoltre, deve anche contenere le indicazioni:

  • Del tempo massimo di esecuzione della prestazione richiesta
  • Degli elementi necessari per l’esecuzione del lavoro richiesto
  • Del costo da pagare per l’esecuzione del lavoro richiesto fino all’attivazione della fornitura
  • Della documentazione che, se il preventivo viene accettato, il cliente deve presentare per l’attivazione della fornitura, ove richiesta, precisando in tal caso che la richiesta di attivazione deve essere inoltrata tramite un venditore;
  • Circa la stima dei tempi previsti per l’ottenimento delle autorizzazioni eventualmente necessarie per l’esecuzione del lavoro richiesto;
  • Della durata di validità del preventivo che non può essere inferiore a 3 mesi;
  • Delle modalità di manifestazione di accettazione del preventivo, che non devono essere discriminatorie nei confronti dei venditori per i preventivi da loro richiesti;
  • Del nominativo e il recapito telefonico della persona responsabile per conto dell’impresa distributrice nel caso di lavori complessi.

Infine, ricordiamo che, per quanto riguarda i punti di riconsegna con prelievi annuali maggiori di 200 mila metri cubi standard, occorre comunicare anche l’impegno giornaliero, riportato in metri cubi standard al giorno unitamente al prelievo annuo previsto.

Per avere più informazioni riguardo la procedura ti consigliamo di leggere i nostri articoli per attivare gas o il codice PDR.
Tempistiche allaccio gas

Quali sono i tempi per l’allaccio gas metano?

Come precedentemente detto, le tempistiche sono differenti a seconda che si tratti di lavori semplici o lavori complessi.

Per quanto riguarda i lavori semplici:

  • Entro 15 giorni lavorativi dalla richiesta, il distributore deve comunicare il preventivo al cliente direttamente oppure attraverso il venditore
  • Una volta accettato il preventivo, il distributore ha a disposizione 10 giorni lavorativi dal giorno in cui ha ricevuto l’accettazione del preventivo per realizzare l’allacciamento


Se per responsabilità del distributore, l’allacciamento con lavori semplici avviene oltre il tempo previsto, il cliente domestico deve automaticamente ricevere un indennizzo di:

Indennizzo per ritardi dell’allaccio gas
35 € se la prestazione viene eseguita entro il doppio del tempo stabilito
70 € se viene eseguita entro il triplo del tempo stabilito , di 105 € se la prestazione viene eseguita oltre il triplo del tempo stabilito.

Invece, quando si tratta di lavori complessi, le tempistiche sono così definite:

  • La società di distribuzione ha tempo 30 giorni lavorativi per inviare al cliente il preventivo;
  • Dall’accettazione del preventivo, il distributore deve realizzare l’allacciamento entro 60 giorni lavorativi


Se non completa i lavori entro 60 giorni lavorativi, il distributore deve comunicare a chi ha richiesto l’allacciamento il nome del responsabile dei lavori e i tempi previsti per il loro completamento. In questo caso non sono previsti indennizzi se l’allacciamento viene eseguito oltre il tempo dovuto.

Quali sono i costi dell’allaccio gas metano?

Analizziamo ora a quanto ammonta il costo allaccio. Per prima cosa, i costi di allacciamento variano da una zona all’altra in base al distributore locale.

I costi a carico del cliente finale sono stabiliti dall’autorizzazione con cui il Comune affida il servizio di distribuzione del gas nel territorio comunale. Questi sono contenuti in un apposito prezziario che è possibile consultare sul sito internet della società di distribuzione.

Comunque, nel prezzo finale del costo allaccio gas, sono anche da conteggiare le varie voci di costi a carico del cliente. Cioè:

  • Spese per l’accertamento documentale della sicurezza dell’impianto, pari a a 47 € (impianti di portata termica complessiva fino a 35 kW) al netto delle imposte


In ogni caso, ti suggeriamo di continuare la lettura sul nostro sito per esaminare i costi bolletta gas,  conoscere qual è il prezzo gas Italia ed il costo metano.

Potrai trovare anche interessante le guide su:

A chi bisogna rivolgersi per un allaccio gas?

Quando si effettua un trasloco in un’abitazione di nuova costruzione, tra le varie cose da fare, una delle più importanti è certamente quella di richiedere l’allaccio del gas.

Per fare questo, ci si può rivolgere direttamente all’ente distributore locale competente o, in alternativa, a una delle compagnie venditrici di gas.

Ma quali sono le differenze fra questi due organi del settore?

Principalmente, il distributore si occupa dell’installazione, disattivazione e manutenzione dei contatori di cui è anche proprietario.

Inoltre, questa figura gestisce il trasporto e la consegna di gas naturale proprio grazie alle reti di distribuzione territoriali.

D’altra parte, le società fornitrici svolgono la semplice funzione di rivendere il gas naturale all’interno del Libero Mercato che, grazie alla sua nota portata, consente di selezionare la compagnia che più risponde alle diverse esigenze.

Documenti necessari: quali dati presentare per un allaccio gas

In materia di allaccio e prima attivazione del gas, l’Autorità ha definito uno specifico procedimento al fine di assicurare la massima efficienza e sicurezza di ogni impianto.

Modulo allaccio gas

Dunque, all’inizio della procedura in oggetto, unitamente al preventivo al cliente verrà fornito il modulo F/40 relativo alle indicazioni per una corretta strategia da applicare affinché i parametri di sicurezza vengano rispettati.

ModuloF40

Scarica qui l’allegato F40!

Successivamente ai lavori di allacciamento, il distributore invierà all’utente i seguenti allegati:

  • G/40: procedimento con le informazioni utili per ottenere l’attivazione
  • H/40: convalida della richiesta di attivazione del gas
  • I/40: attestazione di corretta esecuzione dell’impianto.


Se invece vuoi approfondire le disposizioni dettate da ARERA, clicca qui.

Il nostro servizio è gratuito. Lasciati aiutare a risparmiare sulle offerte a te dedicate.

Info

Domande Frequenti

A chi si richiede l’allaccio gas?

Un intervento di allaccio gas può essere richiesto direttamente alla rete distributrice locale competente, oppure, a una società che si occupa della vendita del gas nel caso si voglia attivare un contratto per la fornitura di gas naturale per la propria abitazione.

Come avviene l’allaccio gas?

Se lo ritiene adeguato alle proprie disponibilità, l’utente accetta il preventivo proposto dal distributore versando il relativo contributo necessario a eseguire l’allaccio. Dunque, il distributore si attiva per mettere in atto l’intera operazione.

Quali sono le tempistiche necessarie a un allacciamento del gas?

Una volta che il distributore ha ricevuto la richiesta di allaccio, lo stesso procede all’elaborazione di un preventivo entro 15 giorni lavorativi nel caso di lavori semplici, oppure, 30 giorni lavorativi per quanto riguarda gli interventi più complessi. Se il preventivo viene accettato dall’utente, il distributore provvederà all’allacciamento vero e proprio entro 10 giorni lavorativi per le operazioni ordinarie, oppure entro 60 giorni lavorativi per i lavori più articolati.

Quanto costa un allaccio gas?

Mediamente, il costo dell'allaccio  previsto per un allaccio gas può variare da un minimo di 200,00 € fino a un massimo di 1.600,00 €. A quest’onere va aggiunto il prezzo di attivazione in quanto, dopo l’installazione del contatore, per l’attivazione occorrerà attendere la verifica di conformità dell’impianto. Tale operazione ha un costo pari a 47,00 € per una Portata Termica minore o uguale a 35 kW, 60,00 € per una Portata Termica compresa fra i 35 kW e i 350 kW e 70,00 € per una Portata Termica maggiore a 350 kW.

Cosa si intende per prima attivazione del gas?

Per prima attivazione del gas si intende l’intervento di effettiva apertura del contatore. In effetti, una volta richiesto l’allacciamento e verificato che l’impianto sia a norma, questa operazione consente la corretta erogazione della fornitura di gas tramite la rete di distribuzione locale, oppure grazie alla stipulazione di un contratto di vendita della materia con una società fornitrice di gas.

Che cos’è il gas naturale?

Il gas naturale è un combustibile, principalmente metano composto da quattro atomi di idrogeno e uno di carbonio, che si forma nel sottosuolo terrestre. È composto per la gran parte da CH4 (metano) e fornisce circa il 22% dell’energia in tutto il mondo. La sostanza si presenta come idrocarburo incolore e inodore e si trova nel sottosuolo, entro giacimenti sotterranei collocati sulla terraferma o sul fondale marino. Il gas naturale viene estratto dal sottosuolo grazie a speciali trivellazioni e, una volta estratto, viene lavorato in modo tale da eliminare le sue componenti più pesanti come, ad esempio, l’etano, il butano e il propano.

A cosa serve il gas naturale?

Generalmente, il gas naturale viene utilizzato per consentire diverse attività sia a livello domestico che aziendale e industriale. Infatti, questa materia consente il riscaldamento delle abitazioni o degli uffici grazie alle caldaie per la climatizzazione invernale, oppure, viene impiegata per produrre acqua calda sanitaria mediante l’uso dello scaldabagno per il bagno e la cucina. Il gas naturale è indispensabile per la cottura dei cibi, qualora l’abitazione non sia provvista di un piano cottura a induzione. Inoltre, questo composto viene utilizzato anche come combustibile per autoveicoli e la produzione di energia elettrica.

Aggiornato su 26 Ott, 2022

redaction La redazione di Energia-Luce.it
Redactor

Alessandro S.

Redattore Energia

Commenti

bright star bright star bright star bright star grey star

Per scoprire di più sulla nostra policy di controllo, trattamento e pubblicazione dei commenti leggi le nostre condizioni legali.