Come intestare le bollette senza un contratto di locazione?

Annuncio - Servizio Gratuito: 4,6 ⭐ su Trustpilot

Annuncio - Servizio Gratuito: 4,6 ⭐ su Trustpilot

Nel momento in cui decidiamo di lasciare la nostra casa e di trasferirci in una nuova abitazione, bisogna prestare attenzione a molti elementi e, in questo articolo, ci occuperemo di vedere come intestare le bollette senza contratto di locazione.

Effettivamente, fra le moltissime cose a cui pensare durante un cambiamento di abitazione, una delle cose importanti da fare è senza dubbio quella di provvedere a un’adeguata voltura per la propria utenza.

Pertanto, in questo articolo, vedremo insieme come intestare le bollette senza contratto di locazione, come fare un subentro o una voltura in assenza di un contratto di affitto e tutti i documenti necessari a questo tipo di operazione.

Intestare le bollette senza contratto di locazione: le condizioni

Contrariamente alla comune credenza, la relazione contratto di affitto e attivazione luce/gas non è obbligatoriamente vincolante. Più chiaramente, intestare le bollette senza contratto di locazione è possibile.

In effetti, nel momento in cui un soggetto entra in una struttura prima di concludere il proprio contratto d’affitto, il gestore di luce e gas non richiede necessariamente questo tipo di documento ma soltanto un’autocertificazione da parte dello stesso cliente. A tal proposito, occorre sottolineare che tutte le compagnie di energia elettrica e gas naturale non pretendono ad ogni costo il contratto di locazione, tuttavia, lo stesso deve almeno risultare in fase di registrazione.

In questo senso, consigliamo fortemente di non accettare locazioni non regolamentate dalla legge in quanto tali circostanze non tutelano assolutamente il soggetto che ne prende parte unitamente alla propria famiglia. Infatti, in questo caso, il locatore commette il reato di evasione fiscale e pone il locatario in una situazione di spiacevole rischio sia per quanto concerne il dovere di dichiarare la propria condizione che per quello che riguarda la salvaguardia dei propri diritti.

Come fare per intestare le bollette senza contratto di locazione

Dunque, una volta compresi i possibili rischi, ricordiamo che voltura e contratto di locazione non vanno per forza presi insieme. Più nello specifico, in questa circostanza all’azienda fornitrice di energia elettrica e gas sarà sufficiente il mero preliminare di affitto per aprire un contratto di fornitura con il cliente sia per attivare la luce che per quanto riguarda la distribuzione del gas.

Ciononostante, ricordiamo che in questa sede sarà, invece, indispensabile fornire al gestore un’apposita autodichiarazione verbale che attesti il normale possesso o la legale custodia della struttura per la quale si richiede l’erogazione di luce e gas.

Diversamente accade per l’allaccio gas e luce durante una locazione, in quanto per questo tipo di operazione sono obbligatoriamente richieste le informazioni catastali della struttura.

Intestare le bollette senza contratto di locazione e i documenti necessari

Una volta comprese le condizioni per le quali è consentito intestare le bollette senza contratto di locazione, è possibile pensare a quali sono i documenti necessari per portare a termine questo tipo di operazione. In particolare, per effettuare un subentro luce in un’abitazione nuova, la prima mossa utile da fare è senz’altro quella di controllare e verificare le effettive condizioni delle utenze.

Pertanto, il consiglio è quello di accertarsi che i contatori della luce e del gas siano in buono stato prima di procedere con la richiesta di fornitura da parte del gestore selezionato.

Effettivamente, nel caso l’utenza sia attiva ma risulti ancora intestata al precedente locatario o proprietario dell’abitazione, allora occorrerà effettuare una voltura e non un subentro. Invece, se i dispositivi appaiono non attivi, sarà sufficiente procedere con il subentro.

Esempio di un subentro

Per comprendere meglio, vediamo ora un esempio di un subentro per intestare le bollette senza contratto di locazione. In questo caso, i documenti e le informazioni necessarie al corretto espletamento della procedura saranno le seguenti:

  • Dati personali del nuovo soggetto che andrà ad occupare i locali
  • Un indirizzo mail
  • I codici univoci POD e PDR in merito alla distribuzione di luce e di gas
  • Il codice Iban per consentire l’addebito diretto su conto corrente bancario.

Inoltre, in aggiunta alle suddette informazioni l’utente dovrà inviare alla compagnia un apposito modulo (fornito dal gestore stesso) in cui dichiara l’effettiva detenzione dell’abitazione.

In quest’ottica, è possibile notare come in caso di assenza di contratto locazione sia sufficiente selezionare la seconda casella relativa alla “Locazione/Comodato” in cui si precisa che si accetta anche un atto già registrato o in corso di registrazione. Inoltre, precisiamo che una volta stipulato, il contratto di fornitura dell’energia elettrica e/o del gas naturale risulterà intestato al locatario della struttura.

Invece, è importante che il locatore provveda ad applicare la propria firma sul documento oltre che allegare anche una fotocopia del proprio documento di identità in corso di validità.

I nostri esperti ti affiancheranno e potrai risparmiare fino a 250 euro! Che aspetti? Chiama!

02 82 95 64 08

Info

La voltura

Come per il subentro, anche nel caso della voltura è possibile intestare le bollette senza contratto di locazione.

Infatti, nel momento in cui la nuova abitazione presenta dispositivi attivi ma ancora intestati al vecchio inquilino, occorre effettuare una corretta voltura per traferire la propria utenza sia in relazione alla bolletta luce che alla bolletta gas. Pertanto, anche in questa situazione è necessario avere a portata di mano determinati documenti.

In particolare, le informazioni indispensabili a un’adeguata voltura anche in assenza di un contratto di locazione sono:

  • Le informazioni personali del nuovo locatario ma anche quelle del precedente inquilino
  • Il codice POD per la fornitura dell’energia elettrica
  • Il codice PDR per il gas
  • Un indirizzo mail
  • Il registro dell’immobile
  • Le coordinate bancarie per attivare l’addebito diretto sul proprio conto.

Sia per il subentro che per la voltura, abbiamo visto come sia possibile attivare un normale contratto di fornitura per luce e gas anche senza un contratto di locazione.

Tuttavia, è bene ricordare di avere con sé almeno l’accordo preliminare di locazione dove sono inserite informazioni importanti per l’avviamento della fornitura.

Potrebbero interessarti anche altre guide sulle utenze luce e gas come:

Infine, per avere maggiori informazioni e per sapere tutti gli aggiornamenti sulle tariffe per energia elettrica e gas naturale consigliamo di leggere le indicazioni qui contenute.

Il nostro servizio è gratuito! Chiama e scopri come attivare la tua offerta in modo rapido e facile grazie ai nostri operatori.

Info

Aggiornato su 21 Apr, 2022

redaction La redazione di Energia-Luce.it
Redactor

Alessandro S.

Redattore Energia

Commenti

bright star bright star bright star bright star grey star

Per scoprire di più sulla nostra policy di controllo, trattamento e pubblicazione dei commenti leggi le nostre condizioni legali.